Tecniche SEO White Hat: Tutto quello che c’è da sapere

Se volete che i potenziali clienti trovino il vostro sito web, è essenziale dare priorità all’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO). Tuttavia, per evitare che il vostro sito venga penalizzato o addirittura bandito dai risultati di ricerca, è necessario attenersi alle cosiddette pratiche SEO white hat. Questo post spiegherà la SEO white hat e quali tattiche sono considerate buone rispetto a quelle black hat, che invece sono cattive. Poi, vi forniremo un elenco delle migliori tecniche SEO white hat e discuteremo perché funzionano e come implementarle. Facciamo un salto!

Che cos’è il White Hat SEO?

La White Hat SEO comprende le migliori pratiche approvate per aumentare il posizionamento di un sito web nei risultati dei motori di ricerca. Questo termine si riferisce ai siti che si classificano nei risultati organici

come Google, Bing e Yahoo. Si contrappongono alla SEO black hat, che si basa su metodi ingannevoli e non etici. Alcuni esempi di SEO black hat sono il keyword stuffing, il link cloaking e l’acquisto di link.

Sebbene alcune tecniche di SEO black hat possano effettivamente migliorare la visibilità sui motori di ricerca, in genere hanno solo benefici temporanei. Alla fine, Google riconoscerà queste pratiche dannose e penalizzerà i siti che le utilizzano.

Pertanto, seguire le tecniche SEO white hat è fondamentale per mantenere la vostra posizione nelle SERP, evitando che i motori di ricerca penalizzino il vostro sito. Se il vostro sito viene declassato, ciò può influire negativamente sul vostro traffico, sulla vostra reputazione e sulle vostre vendite. E se il vostro sito viene inserito nella lista nera, beh, è un buco difficile da risalire.

6 migliori tecniche SEO white hat

Ora che abbiamo capito meglio la SEO white hat e perché è importante, vediamo come utilizzarla. Ecco le sei migliori tecniche SEO white hat che potete implementare sul vostro sito web!

1. Familiarizzare con le linee guida per i webmaster

To ensure you are adhering to white hat SEO tactics and not entering the “gray” area of ​​black hat SEO, we recommend reading Google’s webmaster guidelines.

Queste linee guida spiegano come Google trova, indicizza e classifica il vostro sito. Imparare a conoscerle può aiutarvi a capire meglio quali metodi possono ottimizzare il vostro sito in modo sicuro e approvato. Le linee guida delineano anche le pratiche illecite che possono portare il vostro sito web a essere inserito nella lista nera o bandito in modo permanente.

Potreste anche prendere in considerazione la possibilità di condurre un audit SEO del vostro sito web. Questo processo può aiutarvi a capire meglio l’efficacia della vostra attuale strategia SEO e fornirvi una base di riferimento.

Google non è l’unico sito che pubblica queste linee guida. Controllate anche l’elenco di Bing (che si applica anche ad altri motori come Yandex ed Ecosia), in modo da essere sempre in regola anche lì.

2. Pubblicare contenuti unici, pertinenti e di qualità

A cornerstone of white hat SEO is the consistent production of high-quality content. However, it is also essential that your articles are original and meet the search intent. In contrast, black hat SEO often focuses on low-quality and duplicate content, which is intended solely to draw attention to the page for ads (or even to attempt to install malware).

Non perderti:  Ricerca vocale: 10 modi per ottimizzare il vostro sito per un futuro successo SEO

Quando create i vostri contenuti, la cosa migliore che possiate fare è risolvere un problema per i vostri utenti. Quali sono le domande e i dubbi che hanno e che i vostri contenuti e servizi possono aiutarli a risolvere? Cercano per un motivo, quindi dovete essere voi a fornire questa conoscenza.

Suggeriamo anche di considerare il numero di parole. Sebbene Google non raccomandi una lunghezza specifica dei post, il motore di ricerca favorisce i contenuti lunghi rispetto a quelli più brevi. Come regola generale, è meglio puntare ad almeno 1.000 parole per i post del blog.

Inoltre, per facilitare l’ottimizzazione dei contenuti del vostro sito web, prendete in considerazione l’installazione di un plugin come Yoast SEO.

Questo strumento gratuito può aiutarvi a ottimizzare i post e le pagine per le parole chiave desiderate:

Yoast SEO fornisce suggerimenti per aderire meglio alle linee guida SEO di Google. Ad esempio, valuta la densità delle parole chiave, determina se il contenuto è leggibile e fornisce suggerimenti per ottimizzare le immagini e i link.

Inoltre, Yoast SEO è in grado di identificare l’uso eccessivo di parole chiave. In questo modo, può aiutarvi a evitare tecniche SEO “black hat” come il keyword stuffing.

Yoast isn’t the only WordPress SEO plugin out there. Check out some of the other top options, like Rank Math or Squirrly, to figure out which feature set is best for your site.

3. Utilizzare gli strumenti per le parole chiave e posizionare le parole chiave in modo strategico e organico

Le parole chiave sono fondamentali per la SEO. Tuttavia, è essenziale utilizzare queste frasi in modo strategico. Strumenti per le parole chiave come Google Keyword Planner possono aiutare in questo processo:

L’analisi delle parole chiave può aiutarvi a evitare parole chiave troppo competitive. La ricerca può anche identificare parole chiave a coda corta e a coda lunga. Le parole chiave a coda lunga tendono a essere più specifiche. Questa specificità può rendere più facile la corrispondenza con l’intento dell’utente (di cui parleremo più avanti in questo post).

È anche possibile fare un brainstorming di parole chiave a coda lunga utilizzando Google Suggest:

Iniziate a digitare le parole per cui volete posizionarvi e prendete nota delle frasi che Google suggerisce. Queste parole chiave tendono a essere meno competitive. Inoltre, poiché Google le produce, sapete che gli utenti cercano attivamente queste frasi.

È anche importante utilizzare le parole chiave in modo organico sulla vostra pagina. È consigliabile utilizzarle nei titoli delle pagine, nelle meta-descrizioni e nel testo alt delle immagini. Inoltre, ricordate che non è necessario utilizzare la parola chiave esatta nel vostro contenuto.

Non perderti:  Il ruolo dell'intelligenza artificiale nell'ottimizzazione dei contenuti e nella SEO

Se la vostra parola chiave a coda lunga è “ricette di pasta vegane senza pomodoro”, difficilmente riuscirete ad avere una frase naturale e autentica con quella sintassi. Se la vostra frase recita qualcosa come “queste sono le migliori ricette di pasta vegana senza pomodoro che abbia mai provato”, allora Google e gli altri motori di ricerca lo riconosceranno.

Per evitare tattiche SEO di tipo “black hat”, come il keyword stuffing, è necessario evitare di abusare delle parole chiave. Se da un lato l’aggiunta di queste frasi nei titoli, nelle intestazioni e nei metadati può aiutare la SEO, dall’altro può essere dannosa se si esagera. È meglio incorporarle in modo naturale e non forzarne il posizionamento. Anche in questo caso, i plugin SEO menzionati in precedenza possono aiutarvi con un volume di parole chiave appropriato.

4. Considerare l’intento dell’utente

L’analisi delle parole chiave può aiutarvi a costruire un elenco di frasi per ottimizzare il vostro sito. Tuttavia, è importante scegliere le parole chiave e creare contenuti che soddisfino l’intento dell’utente.

L’intento dell’utente si riferisce all’obiettivo dell’utente quando digita una parola o una frase specifica in un motore di ricerca. Ad esempio, se qualcuno cerca “piatti di pasta vegani”, probabilmente si aspetta di trovare un elenco di ricette vegane, non un set di utensili da cucina con la scritta “pasta vegana”.

È possibile utilizzare una serie di strategie per soddisfare l’intento dell’utente. Una di queste è assicurarsi che i titoli delle pagine riflettano accuratamente i contenuti. I titoli delle pagine SEO possono aiutare Google a indicizzare il sito, a comprenderne il contenuto e a visualizzarlo nei risultati di ricerca pertinenti.

Inoltre, è utile rendere i contenuti scansionabili suddividendoli in sezioni più piccole e semplici. Ad esempio, è possibile formattare gli articoli utilizzando sottotitoli, spazi bianchi, video e immagini:

Questo approccio può rendere le pagine più coinvolgenti e facili da digerire. Può aumentare il valore dei contenuti e, di conseguenza, la SEO. Se il contenuto è più facile da leggere e da scorrere per una persona, lo è anche per il crawler dei motori di ricerca.

5. Offrire un’esperienza utente positiva (UX)

La UX del vostro sito web è uno dei fattori di ranking di Google. Per fornire un’esperienza utente positiva è necessario garantire la velocità del sito. Tempi di caricamento lenti possono aumentare la frequenza di rimbalzo e causare impressioni negative sul vostro sito e sulla vostra azienda.

È possibile valutare l’attuale velocità della pagina e le prestazioni del vostro sito WordPress utilizzando uno strumento come Google PageSpeed Insights.

Dopo aver inserito il vostro URL, lo strumento analizzerà il vostro sito e gli assegnerà un punteggio su una scala da 1 a 100. Fornirà inoltre un elenco di problemi specifici. Fornirà inoltre un elenco di raccomandazioni specifiche per il miglioramento.

Per sfruttare davvero la velocità e la UX per la SEO, è necessario prestare molta attenzione ai Core Web Vitals di Google. Si tratta di fattori di ranking specifici forniti da Google che hanno un impatto sulla SEO in termini di UX e usabilità.

Non perderti:  L'indicizzazione Mobile-First e il suo impatto sulla SEO

Un altro aspetto di una solida UX è la facilità di navigazione del sito. I visitatori devono essere in grado di trovare rapidamente e facilmente ciò che stanno cercando e di muoversi all’interno del sito con facilità. Un semplice menu di navigazione di primo livello può essere molto utile a questo scopo, così come i widget della barra laterale che mostrano i contenuti più popolari.

6. Ottimizzare i link

La creazione di link è un altro aspetto cruciale della SEO white hat. La generazione di backlink di alta qualità, l’ottimizzazione dei permalink e l’utilizzo di testi di ancoraggio pieni di parole chiave possono incrementare le classifiche. Alcuni servizi di link building possono aiutare a creare e gestire gli URL del vostro sito. Tuttavia, è importante scegliere un servizio affidabile e credibile. È bene evitare qualsiasi piattaforma che consista nella vendita o nell’allevamento di link, che sono tattiche SEO black hat.

Una link farm utilizza un insieme di pagine web interconnesse per aumentare il ranking di ciascuna pagina. Anche se queste farm possono sembrare innocue, i motori di ricerca che rilevano gli schemi di link li segnalano, così come tutte le pagine a cui si collegano.

Al contrario, alcune strategie SEO white hat consigliate possono ottimizzare gli URL esterni. Ad esempio, per contribuire alla creazione di backlink, potreste prendere in considerazione il guest posting. Questo metodo può aiutarvi a sviluppare relazioni professionali e ad ampliare il vostro pubblico, collegandovi organicamente al vostro sito web. Google è molto interessato ai backlink pertinenti e contestuali, motivo per cui le link farm e le directory sono considerate di bassa qualità e addirittura black hat.

Tuttavia, non è consigliabile lasciare un link al proprio sito web nelle sezioni dei commenti di altri blog. L’unica eccezione a questa regola è se il vostro contributo è altamente pertinente al contenuto del post.

È anche una buona idea monitorare regolarmente il vostro sito per verificare la presenza di link non funzionanti, che possono danneggiare l’UX e, di conseguenza, il vostro SEO. Per facilitare questa operazione, potete utilizzare uno strumento come Broken Link Checker:

Infine, suggeriamo di utilizzare la Tecnica del Grattacielo per creare backlink. In poche parole, questo metodo consiste nel trovare contenuti degni di link e creare un post più informativo e approfondito sullo stesso argomento. In seguito, potete contattare altri siti web e chiedere loro di linkare il vostro articolo.

Conclusione

La SEO è fondamentale per ottenere visibilità sui motori di ricerca e un posizionamento elevato nelle SERP. Tuttavia, è necessario attenersi a tattiche SEO white hat per evitare che il sito venga inserito nella lista nera. L’utilizzo di metodi di ottimizzazione approvati garantisce l’integrità del sito web e può incrementare il posizionamento nei risultati organici dei motori di ricerca.

Risorse: backlink-boss-it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *