Social media e SEO: Tutto quello che c’è da sapere

Quando si tratta di far crescere il proprio business, la maggior parte delle aziende riconosce che l’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) è un must. Ma per qualche motivo, ancora troppe ignorano l’enorme potenziale dei social media, soprattutto nel settore B2B.
Se la vostra azienda salta i social media, vi state perdendo tutto! I social media possono migliorare seriamente i vostri sforzi SEO.
Ma lo capiamo. Con tutti i cambiamenti di algoritmo degli ultimi anni e ogni piattaforma che insegue disperatamente TikTok, è così difficile ottenere risultati organici dai social media. Creare contenuti di qualità richiede tempo che molte piccole imprese non hanno a disposizione, soprattutto se solo una piccola parte del pubblico può vedere i vostri post. E se non si dispone della tecnologia necessaria per realizzare video, può sembrare che non abbia senso.
Ma i social media non sono solo una bacheca su cui promuovere la propria attività attaccando articoli e immagini, e questo è il problema. I social media servono a costruire il riconoscimento del marchio, a condividere contenuti preziosi e memorabili, a guadagnare fiducia, a mostrare la vostra esperienza e, infine, a portare traffico mirato al vostro sito web.
Sembra molto simile alla SEO, non è vero?

In questo articolo spiegheremo come migliorare la SEO con i social media e come la SEO aiuta i social media.

Perché i social media sono importanti per la SEO

La SEO consiste nell’ottimizzare il vostro sito web in modo che risulti nelle ricerche effettuate da persone che cercano il vostro prodotto o servizio e che siano invogliate a visitare il vostro sito. I social media fanno la stessa cosa: portano il vostro nome e i vostri contenuti davanti a persone interessate alla vostra offerta.
La maggior parte degli imprenditori comprende l’importanza della SEO e del rispetto delle linee guida e dei fattori di ranking di Google. Per questo motivo, quando il tempo, le risorse e il budget sono limitati, le aziende danno sempre la priorità alla SEO rispetto ai social media. Ma la SEO non facilita le conversazioni con i clienti, non stimola i contenuti generati dagli utenti e non mette in contatto i potenziali clienti con le loro piattaforme preferite.

La conclusione è che né la SEO né i social media possono fare tutto quando si tratta di raggiungere gli obiettivi della strategia digitale!
Sapevate che le piattaforme di social media funzionano in gran parte come i motori di ricerca? Tutte le principali applicazioni di social media utilizzano una propria forma di ottimizzazione attraverso hashtag e parole chiave per classificare i contenuti. Gli utenti possono seguire hashtag o argomenti nello stesso modo in cui seguono gli account, e ogni post con cui si confrontano comunica alla piattaforma i loro interessi.
Poi l’app mostra loro contenuti simili provenienti da account che non seguono. Questi contenuti potrebbero essere i vostri!
Guardate queste statistiche impressionanti su come i social media perseguono gli stessi obiettivi della SEO:

  • Il 54% degli utenti dei social media ricerca prodotti sulle piattaforme
  • Gli utenti dei social media si fidano maggiormente delle raccomandazioni di prodotti e servizi degli altri utenti rispetto a quelle delle celebrità
  • Il 71% dei consumatori che hanno avuto un’esperienza positiva con un marchio sui social media sono propensi a raccomandarlo ad amici e parenti.
  • I consumatori sono 6 volte più propensi ad acquistare da una pagina di prodotto che include immagini tratte dai social media, ovvero contenuti che mostrano persone reali che utilizzano il prodotto

Sia i social media che la SEO hanno un potenziale simile in termini di portata. Ogni giorno vengono effettuate 8,5 miliardi di ricerche su Google, 1,5 miliardi di ricerche su Facebook e 1 miliardo di ore di video su YouTube. Naturalmente, solo una minima parte di queste ricerche si riferisce a ciò che fate, ma avete capito l’idea.

Non perderti:  Il ruolo dell'intelligenza artificiale nell'ottimizzazione dei contenuti e nella SEO

Dove i social media superano la SEO è nell’aspetto sociale. La SEO fa arrivare le persone su un sito web, ma non raccoglie nulla da loro in cambio. Questo aspetto è affidato all’esperienza utente, alle integrazioni e ai moduli del vostro sito web.

È possibile utilizzare i social media per condurre ricerche sul pubblico ponendo domande attraverso post e sondaggi. Potete interagire con i clienti nei commenti, ottenendo informazioni preziose sui loro desideri e sulle loro esigenze (e rispondendo a domande e dubbi).

E poi potete utilizzare tutte queste preziose informazioni per migliorare la vostra offerta, comprese le parole chiave a cui vi rivolgete e i contenuti SEO che producete.

Che impatto hanno i social media sulla SEO?

Tuffiamoci direttamente nella merce. Ecco cinque modi principali in cui i social media hanno un impatto sulla SEO:

  • Amplificazione dei contenuti – aiutando i vostri contenuti a essere scoperti e apprezzati da un maggior numero di persone, soprattutto quando non si trovano nella prima pagina dei risultati di ricerca.
  • Notorietà del marchio – costruendo la vostra presenza online attraverso l’esposizione, in modo che quando il vostro nome appare nei risultati di ricerca vi sia familiare
  • Fiducia e credibilità: sostenere la vostra reputazione all’interno del vostro settore, soprattutto quando qualcuno vi cerca online a causa di un referral.
  • Link-building – più i vostri contenuti possono essere scoperti, più possibilità ci sono che guadagnino link in entrata SEO-friendly (backlink) quando vengono citati su altri siti web
  • Local SEO – aumentare la presenza e il posizionamento a livello locale attraverso i dati del profilo aziendale e le recensioni dei clienti.

Ognuna di queste aree ha un impatto indiretto sulla vostra SEO e quindi sul vostro posizionamento. Ecco perché la SEO sui social media è importante per le aziende di ogni dimensione e settore.
E non dimenticate:

  • I profili dei social media della vostra azienda compaiono nelle ricerche relative alla vostra attività, spesso proprio sotto il vostro sito web: sono un ottimo modo per occupare l’intera prima pagina e non lasciare spazio ai concorrenti.
  • I motori di ricerca indicizzano i tweet, che appaiono nella ricerca della vostra azienda e possono anche comparire nei risultati di query specifiche.
  • Google testa regolarmente nuove funzionalità come Perspectives, che mette in evidenza i post più importanti dei social media su un determinato argomento in una pagina simile a quella dei risultati di ricerca.

E i segnali sociali? I social media sono un fattore di ranking?

La risposta ufficiale è no, ma anche sì.

Forse avete sentito parlare dei segnali sociali come fattore di ranking di Google. Secondo questa idea, i post sui social media, il coinvolgimento (like e commenti), le condivisioni o il numero di follower possono avere un impatto diretto sul posizionamento.
Sebbene Google utilizzi i vostri account sui social media per verificare la legittimità della vostra attività, in genere si tratta solo del vostro NAP, ovvero nome, indirizzo e telefono.
Google è estremamente esigente per quanto riguarda l’accuratezza del NAP, quindi controllerà tutti gli elenchi della vostra azienda per assicurarsi che tutti i dettagli di contatto corrispondano. Se l’indirizzo e-mail o il link al sito web sono diversi, Google potrebbe decidere di non mostrare la vostra attività a chi effettua una ricerca locale.

Google può controllare o meno i profili dei social media per verificare l’esperienza diretta, la competenza, l’autorevolezza e l’affidabilità (E-E-A-T) dell’autore di un sito web. L’E-E-A-T non è un fattore di ranking specifico, ma piuttosto un insieme di segnali che creano un fattore: i contenuti di un autore e di un sito affidabili si posizionano meglio.
La maggior parte degli altri presunti effetti dei segnali sociali è in realtà il risultato di segnali di ranking indiretti: molto traffico che arriva al vostro sito web e si impegna con i contenuti in modo positivo, e guadagna più link, che lo aiuta a posizionarsi più in alto.
Bing, invece, utilizza i segnali sociali nei suoi fattori di ranking.
Come Google, utilizza gli account dei social media per verificare la credibilità di un marchio. Ma a parte questo, se un contenuto ottiene molte condivisioni sui social, gli algoritmi di Bing lo considerano un segno che dovrebbe essere classificato più in alto. Bing utilizza i contenuti sociali anche nei suoi pannelli di conoscenza.

Non perderti:  Come scrivere contenuti SEO che funzionano

Come utilizzare i social media per la SEO

Amplificazione dei contenuti per facilitare l’indicizzazione e il ranking

In un mondo perfetto, ogni volta che si pubblica un nuovo contenuto, questo finisce direttamente sulla prima pagina dei risultati di ricerca di Google e tutti lo adorano.

  • Il primo risultato di ricerca di Google ha un tasso di clic del 27,6%.
  • Il 95% delle persone clicca solo sui risultati della prima pagina
    Purtroppo, Google non vi deve nulla.

Il fatto che abbiate un sito web non significa che Google sia obbligato a indicizzarlo o a mostrarlo nella prima pagina, anche per le ricerche del nome della vostra azienda!

Dai concorrenti ad alta autorevolezza alle immagini, alle caselle di risposta e ai video in abbondanza, la prima pagina è un’opportunità sempre più ridotta. Anche una strategia di parole chiave azzeccata non è in grado di generare traffico da sola. A meno che non vi avvaliate di un talentuoso scrittore di contenuti o non siate molto bravi nella SEO di YouTube o delle immagini, tutti i vostri contenuti inizieranno nella seconda pagina o in basso.
Questo non significa che dobbiate smettere di produrre contenuti. Avete solo bisogno di un altro modo per farli scoprire! Entrate nei social media.

  • La condivisione di pagine e post sui social media porta traffico a quelle pagine, indipendentemente dal loro posizionamento su Google.
  • Più traffico da altre fonti significa più possibilità di essere notati da Google, sia per l’elevato volume di traffico identificato da Google Chrome, sia per il fatto che i visitatori si collegano ai vostri contenuti al di fuori dei social media.
  • Questo può portare a un’indicizzazione più rapida (se non si utilizza un plugin SEO o non si effettuano richieste di indicizzazione manuale in Google Search Console) e a opportunità di posizionamento o di classifica più elevate.
  • I post sui social raggiungono un pubblico mirato già interessato alla vostra attività e ai vostri contenuti, quindi è probabile che clicchino e si impegnino a fondo.
    La condivisione regolare di contenuti pertinenti e utili aumenta il pubblico e il potenziale di traffico futuro del sito web.
  • Potete anche utilizzare i social media per indirizzare il traffico verso contenuti vecchi che sono ancora utili (vi consigliamo di aggiornare regolarmente i vostri vecchi contenuti per aiutarli a posizionarsi meglio, ma non tutti hanno tempo per farlo).

Consapevolezza del marchio = amore SEO

Per far crescere la vostra attività, le persone devono sapere di voi. Che si tratti di un negozio locale o di un marchio internazionale, non è possibile attirare nuovi clienti se non sentono il vostro nome.
Fonte
La SEO aiuta il vostro sito web a essere trovato nei risultati di ricerca attraverso strategie organiche per le parole chiave e altre ottimizzazioni on-site. I social media portano il tutto a un livello superiore.

  • Hashtag e parole chiave possono essere utilizzati per far scoprire i vostri post e i vostri profili, invogliando le persone a seguire la vostra attività.
  • Commentare i post rilevanti per conto della vostra azienda vi dà visibilità a tutti coloro che si impegnano con quel post
  • I clienti soddisfatti possono taggarvi nei post che parlano del vostro prodotto o servizio, estendendo così la vostra visibilità a tutti i loro follower.
  • Potete anche creare hashtag con il vostro marchio per incoraggiare le persone a taggare la vostra azienda e a condividere le loro esperienze con amici e familiari.
  • Su TikTok, anche un account senza follower può creare un video che diventa rapidamente virale e porta a migliaia di follower.
    L’influencer marketing è enorme per un motivo: l’influencer tagga la vostra azienda e la amplifica al suo pubblico più numeroso.
Non perderti:  Come posizionarsi meglio su Google nel 2024: 10 consigli SEO per conquistare la ricerca

Come si collega tutto ciò alla SEO dei social media? Ancora una volta, si tratta di traffico.
Una maggiore conoscenza della vostra azienda attraverso i social media significa più visite al vostro sito web da quelle piattaforme. Se utilizzano Chrome, Google vede questo comportamento.
Le stesse persone che hanno apprezzato i vostri contenuti sui social sono anche più propense a cercare su Google la vostra azienda quando hanno bisogno di ciò che vendete, o a riconoscere il vostro nome nei risultati di ricerca e a scegliere il vostro sito rispetto a quello della concorrenza.

I social media per un link-building più grande e migliore

Per quanto il panorama SEO possa cambiare, una cosa rimane invariata: i backlink giocano un ruolo ENORME nel vostro posizionamento.
I backlink, anche detti inbound link, sono collegamenti da un altro sito web al vostro. Quell’altro sito web vi sta ufficialmente dando l’approvazione di Google. Maggiore è la qualità del sito di riferimento, migliore sarà il risultato per voi.
I social media di per sé non forniscono backlink: i link ai siti web nei vostri profili social sono traffico diretto (a meno che non li abbiate intelligentemente etichettati nel costruttore UTM di Google), e i link ai vostri contenuti che voi e altri account condividete come post rientrano nel traffico di riferimento dei social media.
Ma la combinazione di brand awareness e amplificazione dei contenuti guidata dai social media può tradursi in un maggior numero di backlink.
Ogni persona e azienda che sperimenta i vostri contenuti sui social media è un potenziale link in attesa di essere creato. Nei miei post sul blog di Forge and Smith cito sempre altri siti web come fonti di dati, e alcuni di essi li ho trovati proprio attraverso i social media.
Ancora una volta, la magia SEO dei social media è all’opera!

Come la SEO aiuta i social media

Ma basta parlare di SEO sui social media – che dire della SEO sui social media? I social non fanno tutto il lavoro in questa partnership!

  • Vedere i vostri contenuti nei risultati di ricerca può indurre le persone a cercare i vostri profili social e a seguirvi.
  • Google premia il tempo e l’impegno profuso nel mantenere un profilo sociale indicizzandolo nelle ricerche del nome della vostra azienda (che verifica attraverso – avete indovinato! – la corrispondenza tra il vostro NAP e il vostro sito web e l’elenco di Google Business).
  • Potete utilizzare la vostra ricerca di parole chiave SEO per scrivere didascalie dei post meglio ottimizzate e per identificare gli hashtag.
    I dati di Google Analytics forniranno informazioni importanti sui contenuti e gli argomenti che risuonano meglio con il vostro pubblico attraverso il traffico e il coinvolgimento, che possono guidare la creazione di contenuti sociali.

In conclusione, il social media SEO è un duo dinamico che non potete permettervi di ignorare. È un’opportunità per costruire una comunità, umanizzare il vostro marchio ed elevare il vostro messaggio e il vostro lavoro, sostenendo reciprocamente i vostri sforzi di SEO e marketing.
Spero che ora siate convinti al 100% della straordinarietà del social media SEO. Buona ottimizzazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *