Come posizionarsi meglio su Google nel 2024: 10 consigli SEO per conquistare la ricerca

I marchi e i loro team di marketing hanno un sacco di cose da contare al giorno d’oggi. Devono contare il numero di like, follower, retweet, commenti, condivisioni, tag, menzioni, ecc. Inoltre, se siete ancora in attività – soprattutto dopo la pandemia di COVID-19 – dovreste anche ricordarvi di contare le vostre fortune.

Con più di 20 piattaforme di social media a disposizione solo per il marketing, può essere difficile trovare il tempo per tenere traccia del proprio posizionamento su Google. Dopo tutto, i social network non hanno forse cambiato il modo in cui le persone cercano le informazioni? Abbiamo forse raggiunto la fase in cui questi canali possono sostituire Google?

Secondo i dati condivisi da Semrush, Google è ancora il sito web più popolare al mondo e riceve più di 95 miliardi di visite mensili totali. Per mettere questo dato in prospettiva, Facebook riceve solo 20 miliardi di visite mensili totali, mentre Instagram e Amazon ne attirano rispettivamente poco più di 4 miliardi. Di fatto, nell’ultimo decennio Google ha mantenuto il primo posto come sito web più popolare.

Quindi, sì, nel 2024 dovreste ancora preoccuparvi del vostro posizionamento su Google.
Tuttavia, anche se Google è stato una forza così potente nelle nostre vite negli ultimi 10 e più anni, il posizionamento su Google è ancora una delle sfide più grandi. In primo luogo, è competitivo. Secondo le stime di Hosting Tribunal, ogni giorno vengono pubblicati quasi 2,75 milioni di post, e questo solo su WordPress. In secondo luogo, è necessario capire come funziona l’algoritmo di Google.

Per aiutarvi a decifrare il codice di posizionamento su Google, abbiamo riassunto 10 best practice. Alcune di queste potrebbero essere già applicate, altre potrebbero essere nuove per voi. In ogni caso, esaminatele tutte e fate il punto sui cambiamenti da apportare nel nuovo anno.

Perché il posizionamento su Google è ancora importante?

Anche se il panorama del marketing digitale è esploso con la crescita della popolarità di nuove piattaforme, un posizionamento elevato su Google rimane uno dei modi migliori per aumentare il traffico verso il vostro sito web. Secondo i dati online, i primi cinque risultati organici della prima pagina generano oltre il 67% di tutti i clic!
In definitiva, se più persone visitano il vostro sito web, avete maggiori possibilità di trasformare questi visitatori in nuovi clienti. Inoltre, se vi posizionate più in alto rispetto ai vostri concorrenti, potete rubare loro alcuni potenziali clienti.

Tuttavia, non si tratta solo di acquisire nuovi clienti (o di sottrarre alcuni potenziali clienti ai vostri concorrenti). Serve anche ad aumentare la credibilità del vostro marchio o della vostra azienda. Sebbene la credibilità possa sembrare più noiosa dei nuovi clienti, se riuscite a convincere il vostro pubblico di riferimento che siete una delle fonti più credibili nella vostra nicchia, alla fine contribuirete anche a trasformare i lead in clienti paganti.

10 consigli per un posizionamento più alto

1. Non trascurate la SEO tecnica

Non trascurate la SEO tecnicaIn breve, la SEO tecnica si riferisce all’assicurazione che il vostro sito web sia progettato in modo tale che i motori di ricerca siano in grado di scansionarlo e indicizzarlo facilmente. Il contenuto è sempre il re, ma se i motori di ricerca non riescono a trovare, scansionare e indicizzare le vostre pagine, tutti i vostri sforzi saranno vani.

Ad esempio, dovrete assicurarvi che:
*Tutte le pagine siano sicure
*Il vostro sito sia ottimizzato per i dispositivi mobili
*Non ci siano contenuti plagiati o simili su diverse pagine del vostro sito
*Le pagine si carichino rapidamente
*Tutti i link funzionino

2. Non accontentatevi di contenuti di bassa qualità (mai)

I backlink (link pubblicati su un sito web di terzi che rimandano al vostro sito) svolgono un ruolo fondamentale nell’algoritmo di Google. Pertanto, uno dei vostri obiettivi principali dovrebbe essere quello di convincere i visitatori a condividere i vostri post sui social media. E potete aspettarvi che i visitatori lo facciano solo se pubblicate regolarmente contenuti di alta qualità.
I backlink non solo dimostrano che gli utenti trovano utili i vostri contenuti, ma aiutano anche a dimostrare agli altri che siete competenti nella vostra nicchia. Inoltre, più persone si collegano al vostro contenuto, più si dice a Google che il vostro contenuto è credibile e condivisibile.
Tuttavia, non bisogna limitarsi a creare contenuti, sedersi e aspettare che gli altri li condividano. Al contrario, dovreste cercare attivamente di farlo, contattando altri siti web e marchi autorevoli e chiedendo loro se sarebbero interessati a pubblicare un guest post scritto da voi. In questo modo, potrete aggiungere i vostri backlink ai contenuti rilevanti del vostro sito web. Inoltre, se si fa in modo che siti web autorevoli rimandino al proprio sito, si può incrementare il punteggio di autorità del dominio (DA). Ancora una volta, questa strategia funziona solo se si creano contenuti di alta qualità. Ciò significa che dovrete evitare di sembrare troppo spammosi, una trappola comune della scrittura di post di ospiti.

Non perderti:  Come migliorare il vostro sito web per i motori di ricerca

In definitiva, al giorno d’oggi l’attenzione si concentra più su contenuti pertinenti e di alta qualità che sul numero di parole chiave di una pagina. Prima abbiamo detto che si dovrebbe puntare almeno a 1.800 parole, ma i post più lunghi di 3.000 parole funzionano ancora meglio per creare link. In fondo, non sono le singole parole chiave a tenere i lettori attaccati alla vostra pagina, ma la qualità complessiva dei vostri contenuti. In altre parole, una scrittura pertinente, coinvolgente e ben fatta è la scelta migliore per arrivare in cima.

3. Creare collegamenti interni

While we’ve written a lot about the importance of backlinks, you should also focus on creating internal links. An internal link is a hyperlink that links to another page on the same domain. In short, they help Google with finding and indexing your web pages.
One of the advantages of using internal links is that the anchor text may match the content exactly. So, they’re pretty straightforward to create and you don’t have to rely on other third-party websites. Ideally, you should place the internal links toward the beginning of the web page. This can also help to improve your bounce rate (and by improve we mean lower, but more about this later).

4. Includere parole chiave LSI

Le parole chiave LSI (alias latent semantic indexing) si riferiscono a frasi correlate che un motore di ricerca come Google può utilizzare per comprendere meglio il contenuto di una pagina. Tuttavia, non si tratta di sinonimi, ma piuttosto di frasi e parole strettamente collegate alla vostra parola chiave principale.
Ad esempio, se la vostra parola chiave principale è influencer marketing, le parole chiave LSI possono essere parole e frasi come social media, campagne di marketing, marchi, Instagram, marketer, endorsement, ecc. Avete capito bene. Certo, potete sempre usare i sinonimi, ma dovrete usare anche le parole chiave LSI. Il motivo è che i motori di ricerca si sono evoluti nel tempo. Al giorno d’oggi, non è più necessario essere colpevoli della densità di parole chiave solo per far capire a Google di cosa parla la vostra pagina.
Infatti, non è più sufficiente ottimizzare i contenuti per una manciata di parole chiave. Al contrario, Google vuole capire di cosa parla la vostra pagina in generale. Utilizzerà quindi questo tipo di parole chiave per verificare che il contenuto riguardi effettivamente l’argomento.
Inoltre, l’utilizzo di parole chiave LSI contribuisce a migliorare la profondità topica, che a sua volta contribuisce alla pertinenza. Nel 2024, la profondità topica diventerà sempre più importante (da qui la preferenza per i contenuti long-form). Assicuratevi quindi di costruire ed espandere i vostri contenuti anche intorno ad altre parole chiave e sotto-argomenti correlati.
Dopotutto, dato che esistono strumenti online gratuiti che effettuano questa ricerca per voi, non avete scuse per non fare uno “sforzo in più”. Ad esempio, potete consultare uno strumento come LSIGraph o KeySearch per identificare le parole chiave LSI rilevanti.

Non perderti:  L'audit SEO in 6 fasi e la lista di controllo

5. “E-A-T” di più

Mentre la SEO è una delle principali parole d’ordine quando si parla di classifiche su Google, Google E-A-T è un altro acronimo di tre lettere che può aiutarvi nel nuovo anno. In pratica, sta per competenza, autorità e fiducia. Si tratta di tre elementi che Google prende in considerazione quando elabora il potenziale di posizionamento del vostro sito web. È ancora più importante se il vostro sito web si concentra su argomenti cosiddetti YMYL (ovvero i vostri soldi o la vostra vita). Questi includono tipicamente contenuti che offrono informazioni mediche, legali, di sicurezza o finanziarie.
La competenza si riferisce alla credibilità e all’esperienza dei vostri autori. Quando i visitatori arrivano sul vostro sito, troveranno contenuti scritti da autori affidabili ed esperti? Per dimostrare la vostra competenza, potete, ad esempio, inserire nel vostro sito web delle brevi biografie degli autori, come ha fatto il sottoscritto.
L’autorevolezza ha fondamentalmente a che fare con la vostra reputazione online e il riconoscimento che state ottenendo. Questo è un altro motivo per cui è importante che fonti autorevoli rimandino ai vostri contenuti. Ad esempio, un comunicato stampa può essere prezioso se si vuole ottenere menzioni dal giusto tipo di stampa (in termini di SEO, c’è qualcosa come la cattiva pubblicità).
L’affidabilità ha molto a che fare con gli altri due elementi. Se avete dimostrato di essere qualificati per scrivere sul vostro argomento e altre fonti si rivolgono a voi per il valore che offrite, Google vi considererà degni di fiducia.
Molte delle altre strategie discusse in questo blog post possono aiutare a migliorare il punteggio E-A-T. Ad esempio, articoli di alta qualità contribuiranno a dimostrare la vostra competenza nella vostra nicchia e ad affermare la vostra azienda come figura autorevole, mentre la sicurezza del sito può contribuire a creare ulteriore fiducia.

6. Corrispondere all’intento di ricerca

Sapete cosa vuole sapere il vostro pubblico di riferimento sugli argomenti che intendete trattare? Potreste pensare che conoscano già tutte le basi di un argomento come l’influencer marketing e vogliano sapere tutti i dettagli più approfonditi o viceversa.
In sostanza, Google premia i siti web che condividono i contenuti che le persone cercano più spesso. Che cosa inserisce di solito il vostro pubblico target nella barra di ricerca di Google? Si rivolge a Internet per trovare guide, esempi reali o consigli per i principianti?
Un modo per assicurarsi che i vostri contenuti corrispondano all’intento di ricerca è osservare i contenuti che si posizionano nella prima pagina. I vostri articoli coprono quel contenuto? Se così non fosse, vedetela come un’opportunità per riproporre alcuni dei vostri vecchi contenuti in modo che siano più in linea con ciò che il vostro pubblico target sta attualmente cercando online.

7. Migliorare la frequenza di rimbalzo

Se i visitatori arrivano sul vostro sito, guardano una delle vostre pagine e tornano indietro alla pagina di ricerca nel giro di pochi secondi, questo danneggia le vostre classifiche di ricerca. Per Google, questo indica che gli utenti non sono impressionati dal vostro sito web. In altre parole, una bassa frequenza di rimbalzo dimostra che gli utenti si divertono a navigare sul vostro sito.
Non solo una bassa frequenza di rimbalzo è migliore per il posizionamento nelle ricerche, ma significa anche che i visitatori hanno più tempo per conoscere meglio il vostro marchio, il che può contribuire ad aumentare le vendite e la fedeltà dei clienti. In fin dei conti, non è questo il vostro vero obiettivo?
Per migliorare la frequenza di rimbalzo, assicuratevi che tutte le informazioni più importanti appaiano above the fold (in altre parole, i visitatori non devono scorrere verso il basso per trovare le informazioni di cui hanno bisogno). L’aggiunta di un indice (o di un sommario, come facciamo noi) può anche aiutare i visitatori a raggiungere direttamente la sezione pertinente alla loro richiesta. Inoltre, per rendere i contenuti più facili da digerire, è fondamentale aggiungere elementi visivi come infografiche e video, il che ci porta alla prossima strategia SEO.

Non perderti:  Social media e SEO: Tutto quello che c'è da sapere

8. Incorporate video

Si è scritto molto sui contenuti e sulle parole chiave. Nella maggior parte dei casi, questi sono immediatamente associati a contenuti scritti come blog post, white paper, relazioni sullo stato del settore, ecc. Tuttavia, i contenuti possono (e devono) essere anche sotto forma di video.
Infatti, oggi è più probabile che i video appaiano nei risultati di ricerca sotto forma di caroselli video rispetto al passato. Ricordate che Google non offre solo risultati testuali, ma anche video, immagini e articoli di notizie per contribuire a creare una migliore esperienza utente. Oltre a incorporare i video nelle pagine web, può essere utile creare un proprio canale YouTube dove caricare i video. In questo modo non solo si attira l’attenzione di Google, ma i visitatori rimangono più a lungo sul sito e ciò contribuisce a segnalare ai motori di ricerca che il sito corrisponde all’intento di ricerca.

9. Condivisione di dati statistici

Di tanto in tanto, potete anche cercare di includere contenuti, come fatti e cifre, che altri possano citare nei loro blog. I creatori di contenuti spesso rimandano a statistiche che possono farvi guadagnare backlink preziosi.
Potete, ad esempio, aggiungerli sotto forma di infografica. Come già detto, l’aggiunta di immagini come le infografiche può anche contribuire a ridurre la frequenza di rimbalzo, migliorando così il posizionamento nelle pagine di ricerca di Google.
Se leggete regolarmente il nostro blog, saprete che amiamo pubblicare statistiche. Come dimostra il reperto A (ovvero lo screenshot qui sotto), ci ha aiutato a creare numerosi backlink (e da fonti autorevoli, se possiamo vantarci un po’).

10. Non abbiate paura di assumere esperti

Anche se ci sono elementi più tecnici, come l’ottimizzazione per i dispositivi mobili e la velocità delle pagine web, che sarete più inclini a lasciare ai professionisti, ciò non significa che tutto il resto debba essere fatto da soli. Che abbiate bisogno di uno scrittore di contenuti freelance o di un UX designer, se c’è un qualsiasi altro aspetto per il quale sentite di aver bisogno di aiuto, affidatevi a dei professionisti. Stiamo parlando della vostra presenza online. La posta in gioco è alta.

Per concludere

Se in passato avete temuto la SEO, non trascinate le vecchie paure con voi nel nuovo anno. Certo, abbiamo condiviso un lungo elenco di cose da fare e da cambiare, ma come avrete capito molte di queste sono collegate.
Ad esempio, i contenuti di alta qualità portano a un maggior numero di backlink che aumentano la vostra credibilità. Migliorare la velocità della pagina può anche ridurre la frequenza di rimbalzo, il che dimostra a Google che le persone si fidano del vostro sito. L’idea è chiara.
Quindi, anche se può sembrare un lavoro eccessivo, in realtà, se lavorate su un aspetto, siete anche impegnati a migliorare una serie di altri elementi. E se non sapete da dove cominciare, i vostri contenuti sono un ottimo punto di partenza. Dopo tutto, tutti i clic riconducono ai contenuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *